Arriva il caldo e ogni anno capita la solita storia: corriamo alla ricerca di un luogo provvisto di aria condizionata. Sembrerebbe quasi una sorta di epidemia che invade le città, i telegiornali lanciano l’ormai famigerato “allarme caldo” ed una moltitudine di persone come per magia riempie i centri commerciali. Ma questa frenesia ci fa dimenticare l’altra minaccia che si nasconde dietro l’angolo: il torcicollo estivo.
In alcune occasioni basta solo addentrarsi in quei locali a temperature polari e il primo impatto è una sensazione di sollievo. Ma questa sensazione piacevole dura ben poco. Pochi minuti dopo, quel fiume di sudore che si era creato prima diventa una colata di ghiaccio. Immediatamente le spalle e il collo si “congelano”, e si rimane bloccati. A questo punto non abbiamo nessun dubbio: siamo in presenza del vecchio e conosciuto torcicollo.
Questo tipo di malanno può essere causato dagli sbalzi termici eccessivi e spesso si manifesta quando siamo sottoposti all’aria eccessivamente fredda del climatizzatore. Mentre il caldo favorisce il rilassamento dei nostri muscoli, il freddo produce l’effetto contrario. Pertanto un “colpo d’aria” che dal climatizzatore colpisce direttamente la cute comporta un irrigidimento muscolare.

Cosa possiamo fare per evitare il torcicollo estivo?

Di seguito troverete alcuni consigli utili per attenuare il dolore al collo. La sequenza di questi esercizi deve essere effettuata almeno una volta al giorno per portare dei benefici. Tutti i movimenti devono essere accompagnati da una respirazione profonda e ogni esercizio deve avere una durata di circa un minuto.

– Iniziate col ruotare la testa a destra e a sinistra lentamente;
– Flettete la testa portando l’orecchio destro verso la spalla destra, quindi ripetete dal lato opposto;
Portate il mento in basso fino a toccare lo sterno, mantenete la posizione per qualche secondo e ritornate lentamente alla posizione di partenza;
– Successivamente, portate in avanti e indietro il mento senza alzare né abbassare la testa;
– Con testa e schiena poggiate a una parete, allungate la testa verso l’alto, spingendo la nuca contro la parete e mantenendo il mento indietro.

Per prevenire questo torcicollo estivo lo strumento migliore come sempre è il buon senso. E’ importante sapere che nella maggioranza dei casi il torcicollo, come è venuto, anche se ne va, specialmente se adottiamo qualche misura precauzionale. Pertanto, ecco qui delle buone regole da seguire.
Evitate di esporvi al getto diretto dell’aria condizionata o a temperature eccessivamente basse rispetto a quella esterna. Evitate di aprire il finestrino della macchina. E’ sempre meglio raffreddare l’auto gradualmente coll’aria condizionata (senza esagerare). Per ultimo, fate attenzione al passaggio da zone climatizzate a zone non climatizzate. Che il torcicollo estivo non vi rovini le belle giornate!

Share This

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Politica dei cookies

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close